Lo spazzacamino

La figura dello spazzacamino nell’immaginario collettivo è rappresentata da un personaggio quasi magico, armato di raspa, con le gote sporche di fuliggine e il cappello a cilindro.

Così, effettivamente, erano gli spazzacamini nel passato: oggi, invece, lo spazzacamino è diventato un tecnico qualificato, che mantiene sicuri ed efficienti stufe e caminetti.

Lo spazzacamino tra storia e leggenda


  • Il mestiere dello spazzacamino, tanto duro quanto da sempre indispensabile nella prevenzione degli incendi, è stato molto importante nel passato e ha ispirato storie, romanzi e film.

    Gli spazzacamini erano spesso bambini costretti a lavorare oppure uomini che sceglievano questa professione dura per forza di cose: via via però gli spazzacamini hanno preso coscienza del proprio ruolo, si sono uniti tra loro e hanno cambiato le cose, rendendo il mestiere migliore e più sicuro.

    In Val Vigezzo, in Piemonte, c’è persino un Museo dello Spazzacamino, ospitato in una splendida villa settecentesca, che ha lo scopo di promuovere e diffondere la conoscenza della storia e dell’opera degli spazzacamini della valle.

Ogni anno in quella zona si tiene il Raduno Internazionale dello Spazzacamino, proprio perché questa figura così speciale ha sempre travalicato confini e frontiere.

Lo spazzacamino oggi


Lo spazzacamino oggi, oltre alla mera spazzolatura della canna fumaria, deve provvedere a controllare lo stato di conservazione dell’impianto fumario e le eventuali anomalie e garantirne l’efficienza e la tenuta.

La pulizia stessa, a livello di attrezzi e modalità, è cambiata negli ultimi anni: una volta lo spazzacamino si limitava a salire sul tetto senza protezioni e ad infilare una corda attraverso il comignolo, legata ad una matassa.

Oggi invece sono previsti tanti accorgimenti, come il controllo preventivo tramite videoispezione, la sigillatura delle aperture all’interno dei locali, l’accesso al tetto in sicurezza, la scovolatura con spazzole speciali e infine l’asportazione e lo smaltimento della fuliggine.

Condividi Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone